La convivenza di fatto è oggi un’alternativa sempre più diffusa al matrimonio. Nonostante l’assenza di un vincolo coniugale, la stabile convivenza, caratterizzata da affectio ed iscritta all’anagrafe, determina anch’essa l’esistenza di un nucleo familiare (con o senza figli), i cui rapporti necessitano di regolamentazione e tutela.

Il legislatore, con la l. 20 maggio 2016 n. 76, ha normato alcuni aspetti della convivenza di fatto, prevedendo, da un lato, alcuni diritti a tutela di ciascun convivente anche correlati all’effettività e alla durata della convivenza stessa: si pensi al reciproco diritto di visita, di assistenza e di accesso alle informazioni personali in ambito sanitario, ovvero al diritto di adottare alcune decisioni in materia di salute dell’altro convivente, o al diritto di abitazione sulla casa familiare, o al diritto di subentrare nel contratto di locazione stipulato dal convivente premorto, o all’estensione della disciplina sull’impresa familiare, o, ancora, all’equiparazione del rapporto di convivenza di fatto a quello di coniugi o ai fini dell’assegnazione di case di edilizia popolare, nonché ai fini del risarcimento del danno derivante da fatto illecito, ecc.

 

Contratti di convivenza

La legge riconosce alle coppie di fatto la possibilità di stipulare contratti di convivenza, volti a disciplinare aspetti sia personali che patrimoniali del rapporto.

In merito, la disciplina legislativa è, però, scarna,#contratti-di-convivenza ma consente all’avvocato familiarista di integrare il contenuto del contratto con ogni disposizione utile in base alla volontà o alle necessità delle parti. Ciò presuppone, tuttavia, una conoscenza sistematica, da parte del consulente legale, dell’intero diritto di famiglia, al fine di esprimere un positivo “giudizio di omologazione”.

 

Coppie di fatto con figli

Infine, nell’ipotesi in cui da un rapporto non coniugale nascano dei figli, si pone la questione dell’educazione e del mantenimento degli stessi, fino a che essi non siano maggiorenni ed economicamente autosufficienti.

Infatti, in relazione al rapporto sussistente tra genitori e figli, non può tracciarsi alcuna distinzione tra l’ipotesi di genitori coniugati e genitori non coniugati.

Ciò rileva, in particolare, nel caso di cessazione del rapporto e scioglimento del nucleo familiare; in questo caso, nello stesso modo in cui avviene in caso di separazione e divorzio dei coniugi, il genitore con il quale i minori continueranno a convivere (cd. genitore collocatario) potrà avere diritto al versamento periodico, da parte dell’altro genitore, di un contributo al mantenimento per i figli.

Dopo la valutazione della sussistenza dei presupposti di legge per la previsione di siffatto contributo, si pone, quindi, la necessità di quantificare economicamente detto diritto, prendendo in considerazione sia le rispettive condizioni reddito-patrimoniali dei genitori, sia il tenore di vita goduto dai figli fino a tale momento.

Potrà essere oggetto di valutazione anche l’eventuale diritto del genitore collocatario a rimanere ad abitare la casa familiare (che potrebbe essere, a seconda dei casi, in comproprietà con l’altro genitore, di esclusiva proprietà di quest’ultimo, ovvero anche di proprietà di terzi) e dunque ottenere un provvedimento di assegnazione.

Avvocati divorzisti, matrimonialisti e familiaristi, dottori commercialisti, notai, agenti investigativi, esperti immobiliari: una rete di professionisti esperti a tua disposizione.

Grazie al nostro servizio di consulenza multidisciplinare, è possibile ottimizzare i tempi, mantenendo alta la qualità dei risultati. Ogni richiesta ricevuta viene trattata nel massimo rispetto della privacy.

Domande frequenti sulla convivenza di fatto

È possibile ottenere il riconoscimento formale della posizione che il coniuge/la persona unita civilmente/il convivente ha rivestito nell'ambito societario, anche nel caso in cui detta posizione sia meramente formale e il soggetto non abbia mai, di fatto, prestato la propria opera nella società?


È possibile per il parente che abbia costantemente lavorato presso l'impresa familiare ottenere la liquidazione dei compensi spettanti per l'opera prestata e mai percepiti?


È possibile ottenere dei vantaggi fiscali nell'ambito di una definizione complessiva dei rapporti tra coniugi/persone unite civilmente/conviventi?


È possibile vincolare parte del proprio patrimonio al fine di destinarlo a scopi particolari e/o proteggerlo dall'aggressione da parte di terzi?


È possibile ottenere la restituzione di quanto pagato per le spese di costruzione e/o ristrutturazione effettuate sul terreno o sull'immobile di proprietà dell'altro coniuge/persona unita civilmente/convivente?


È possibile nell'ambito di un rapporto di convivenza stabilire contrattualmente l'assetto dei rapporti patrimoniali, anche per il caso di cessazione della convivenza stessa?


È possibile ottenere il risarcimento del danno patito a causa del comportamento di un terzo che abbia cagionato la morte del convivente?

Per avere risposta a queste ed altre domande sulle coppie conviventi

Fai parte di una coppia convivente? Richiedi una consulenza legale

Contattaci al NUMERO:

Attivo Lun-Ven ore 9-13 e 15-19

Oppure compila il MODULO:

Consenso privacy (D.L. 196/2003)

I nostri casi di successo per pratiche di coppie conviveti

Approfondimenti

Il nostro sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e le esperienze offerte ai visitatori. La prosecuzione della navigazione ne comporta l’accettazione. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi